“G.eMMe, acronimo di “Giovani delle Misericordie”, è un movimento che nasce all’interno di Confederazione Nazionale delle Misericordie d’Italia come espressione di partecipazione ed impegno di tutti i giovani confratelli, consorelle, dipendenti e collaboratori delle Misericordie”.

Anche la Miselido, nel 2016, ha riunito un gruppo di ragazzi dai 16 ai 30 anni, partecipando attivamente ai servizi ed alla vita dell’associazione e/o facendosi loro stessi promotori di alcune iniziative. 

In questi anni infatti abbiamo organizzato sul territorio le nostre“unità di strada” per aiutare le persone più povere, incontrandole direttamente nei luoghi dove trovano ricovero per la notte, offrendogli protezione, ascolto, fino a cercare di progettare per loro un percorso di recupero, in accordo con le istituzioni e con le reti di servizi, opera particolarmente necessaria durante i mesi invernali a causa del clima più rigido.

Oltre a questo e sempre per far fronte alle nuove emergenze sociali, abbiamo promosso l’iniziativa “l’armadio della solidarietà” che consiste nella distribuzione di abbigliamento e coperte alla popolazione in difficoltà.

In questi anni alcuni di noi hanno partecipato anche ad eventi a livello nazionale fra cui gli incontri ad Assisi e Palermo, al sinodo dei giovani a Roma tenutosi in preparazione alla Giornata Mondiale della Gioventù e al campus G.eMMe di Salerno.

Al fine di rendere i giovani ancora più parte attiva nella vita associativa, la Miselido ha aperto le porte dell’organo di governo dell’associazione, il magistrato, anche ai giovani: essi stessi sperimentano ruoli di rappresentanza al loro interno, fino ad esprimere ogni 6 mesi, un rappresentante che prende parte ad ogni incontro del magistrato.

GEMME4.jpg